Passa al contenuto principale
Ricerca

Il Terminale Adriatic LNG vince il Platts Energy Award 2010 come "Infrastruttura dell'Anno"

Il terminale Adriatic LNG è stato premiato come la migliore infrastruttura dell’anno nell’ambito della dodicesima edizione dei Platts Global Energy Awards, i riconoscimenti per aziende e manager del settore energetico che si sono contraddistinti, a livello mondiale, per leadership, innovazione e performance.

Il premio, assegnato da Platts - uno dei leader mondiali nell’informazione in campo energetico - è stato conferito nel corso di una cerimonia che si è svolta il 2 dicembre 2010 a New York. Vincitore della categoria Best Infrastructure Project of the Year, il terminale è stato selezionato tra cinque finalisti.

La struttura è stata progettata, costruita ed è attualmente gestita da Terminale GNL Adriatico Srl, nota come Adriatic LNG, azienda italiana fondata nel 2005 da ExxonMobil Italiana Gas - una società del gruppo ExxonMobil, da Qatar Terminal Limited - un'affiliata di Qatar Petroleum, e da Edison.

Posizionato nell’Alto Adriatico, a 15 chilometri dalla costa veneta – il terminale Adriatic LNG è la prima struttura offshore al mondo per lo scarico, lo stoccaggio e la rigassificazione del Gas Naturale Liquefatto (GNL).

È un'infrastruttura unica al mondo - frutto di un progetto altamente innovativo e costruita con tecnologie d’avanguardia - che riveste un ruolo di primo piano nello scenario energetico italiano di lungo periodo, aumenta la capacità d’importazione di GNL in Italia e la diversificazione energetica del Paese.

Inaugurato nell’ottobre 2009, il terminale Adriatic LNG rappresenta un punto d’ingresso strategico per l’importazione di GNL in Italia da tutto il mondo e, con una capacità di rigassificazione nominale pari a 8 miliardi di metri cubi di gas naturale l’anno (circa il 10% del consumo nazionale di gas), contribuisce a migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico del Paese. Dall’inizio della sua operatività, la struttura ha infatti consentito l’apertura di nuove rotte per l’importazione del gas naturale in Italia.

Chiudere