Passa al contenuto principale
Ricerca

Sci-Tech Challenge

Gli studenti italiani del Liceo Antonelli di Novara si aggiudicano il secondo posto alla finale europea dell'edizione 2016-2017! Vince il team francese. 

Istruzione, il carburante che alimenta l'innovazione

FotoIl team del Liceo Scientifico Antonelli di Novara vincitore della National Challenge 2017 (qui ritratto insieme alla Giuria nel momento della premiazione) e arrivato secondo alla Finale Europea del programma.

Sci-Tech Challenge (abbreviazione di Science and Technology Challenge), è un'iniziativa didattica sviluppata a livello europeo dalla ExxonMobil in collaborazione con Junior Achievement Europe, l’associazione no-profit leader per la promozione dell'economia nelle scuole primarie, secondarie di primo grado e superiori.

In Italia, il programma coinvolge alcuni Licei Scientifici delle aree in cui insistono i siti operativi e la Sede delle società del gruppo ExxonMobil. All'edizione 2016-2017, hanno preso parte 40 classi terze di 10 Istituti delle province di Napoli, Novara, Roma, Savona e Siracusa:

  • Liceo Scientifico “R. Livatino” di Napoli
  • Liceo Scientifico "Alessandro Antonelli" di Novara
  • Liceo Scientifico "Carlo Alberto" di Novara
  • Liceo Scientifico “Biagio Pascal” di Romentino (in provincia di Novara)
  • Liceo Scientifico “Stanislao Cannizzaro” di Roma
  • Liceo Scientifico “Evangelista Torricelli” di Roma
  • Liceo Scientifico "Giordano Bruno" di Albenga (in provincia di Savona)
  • Liceo Scientifico "Orazio Grassi" di Savona
  • Liceo Scientifico "Megara" di Augusta (in provincia di Siracusa)
  • Liceo Scientifico "Orso Maria Corbino" di Siracusa

L’iniziativa, che si svolge in sette paesi - Belgio, Francia, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito e Romania - si pone l’obiettivo di incoraggiare gli studenti a considerare Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica come valide opzioni per il proprio percorso formativo e come solida base per una futura crescita professionale, aiutandoli a comprendere l’importanza di queste materie e il loro ruolo nello sviluppo di nuove opzioni per vincere le sfide energetiche del futuro.

Si osserva, infatti, che in Europa va crescendo il divario tra la domanda e l’offerta di risorse professionali con questo background. Ecco perché, attraverso una metodologia didattica coinvolgente e interattiva, il programma Sci-Tech Challenge mira a promuovere l’istruzione in campo scientifico e tecnologico mettendo gli studenti di fronte a sfide reali.

L’iniziativa si compone di quattro elementi:

  • Quiz online
  • Lezione in classe
  • Sfida Nazionale (National Challenge)
  • Sfida Europea (European Challenge)

caricamento video in corso...

Sul sito Sci-Tech Challenge è disponibile il Quiz online che rappresenta un’attività preparatoria alla lezione in classe e mira a verificare il grado di conoscenza degli studenti e ad invogliarli a partecipare alle altre attività del programma.

Nel corso delle lezioni in classe, i ragazzi hanno l’opportunità di confrontarsi con esperti delle società del gruppo ExxonMobil e di cimentarsi in “mini” sfide scientifico-tecnologiche, secondo la metodologia didattica del learn-by-doing.

Il programma prevede poi la partecipazione di una selezione di studenti a due sfide, una nazionale e una internazionale (National ed European Challenge) nel corso delle quali ai ragazzi viene chiesto di lavorare in gruppo per individuare e sviluppare soluzioni innovative in risposta a specifici quesiti in campo energetico.

National Sci-Tech Challenge 2016-2017

A valle degli incontri in classe, gli Istituti partecipanti al programma hanno selezionato 10 team, composti da 5 studenti ciascuno, che il 20 e il 21 Febbraio 2017 hanno disputato, a Roma, la “National Sci-Tech Challenge”, ovvero la Sfida Nazionale nel corso della quale i ragazzi hanno dovuto individuare e sviluppare soluzioni innovative in risposta a un quesito energetico sul quale sono stati chiamati a cimentarsi.

Agli studenti è stato chiesto di ideare un progetto applicato al settore del trasporto leggero. 

Durante questa attività i ragazzi hanno potuto confrontarsi con esperti del Gruppo ExxonMobil che li hanno assistiti nell’elaborare le idee e a porre particolare attenzione ad aspetti di natura tecnica, ambientale, economico-finanziaria, etc.

Gli elaborati dei 10 team sono stati valutati da una Giuria di esperti chiamata ad analizzare i lavori degli studenti per contenuto, innovazione, fattibilità ed anche qualità di presentazione.

La sfida è stata vinta dagli studenti Laura Bobbio, Luca Galuppini, Davide Genovese, Edoardo Tosi e Marta Zaccaria del Liceo Scientifico “Alessandro Antonelli” di Novara.

Al secondo posto si è piazzato il team di studenti del Liceo Scientifico “Megara” di Augusta e al terzo posto si è classificato il team del Liceo Scientifico “Stanislao Cannizzaro” di Roma.

European Sci-Tech Challenge Online 

Il 21 marzo 2017 i team dei sette paesi partecipanti al programma Sci-Tech Challenge – Italia, Belgio, Francia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia e Regno Unito – hanno preso parte alla prima fase della sfida internazionale, la European Sci-Tech Challenge.

A partecipare all’evento sono stati gli studenti che hanno vinto le Sfide Nazionali tenutesi nei rispettivi paesi. Per l’Italia hanno partecipato i cinque ragazzi del Liceo Scientifico Alessandro Antonelli di Novara che si sono distinti nel presentare a una Giuria internazionale, collegata attraverso una piattaforma web, il proprio progetto sulla mobilità sostenibile del futuro.

Nel presentare il lavoro hanno dovuto sfruttare le proprie conoscenze in campo scientifico, tecnologico e le proprie abilità linguistiche e comunicative. Una Giuria qualificata, ha selezionato tre team – quello dell’Italia, della Francia e del Belgio – per i particolari contenuti innovativi del progetto, l’eccellente capacità di presentazione e lo spirito di gruppo.

I tre elaborati scelti dalla Giuria hanno presentato modalità di trasporto alternative, proponendo un mix integrato di tecnologie per ridurre le emissioni, e si sono distinti per avere coniugato in maniera ottimale, fattibilità, efficienza e possibilità di rapida applicazione.

Gli studenti italiani hanno convinto la Giuria e rappresentato al meglio il nostro Paese per l’analisi dettagliata e l’accuratezza del loro progetto presentato in maniera articolata e professionale.

Gran Finale Sci-Tech Challenge

Si è conclusa il 10 maggio a Bruxelles l’edizione 2016-2017 del programma Sci-Tech Challenge.

Al Gran Finale hanno partecipato i team dell’Italia, del Belgio e della Francia che a fine marzo si erano aggiudicati la prima selezione europea online primeggiando tra i 7 team dei paesi partecipanti al programma vincitori delle rispettive sfide nazionali.

I ragazzi hanno dovuto presentare alla Giuria internazionale il proprio progetto per migliorare la sostenibilità ambientale del trasporto leggero. Hanno dunque immaginato di gestire una società di consulenza e di partecipare a una gara promossa dal Governo per lo sviluppo di un piano capace di ridurre del 40%, entro il 2040, le emissioni derivanti dal parco circolante delle autovetture.

La vittoria è andata al team francese dopo una dibattuta valutazione della Giuria che è chiamata a scegliere sulla base di una combinazione di fattori che includono lo spirito di team, l’imprenditorialità e le conoscenze scientifiche evidenziate. Il team ha presentato una proposta innovativa per ottimizzare le dimensioni e il peso dell’auto insieme a una soluzione per stoccare la CO2. Il progetto prevedeva anche che l’anidride carbonica venisse poi periodicamente raccolta presso le stazioni di servizio e utilizzata in specifici impianti nella produzione di alghe per biocarburanti.

Complimenti al team italiano del Liceo Scientifico Alessandro Antonelli Novara che ha disputato una bellissima finale piazzandosi al secondo posto e concludendo, con quest’ottimo risultato, l’edizione 2016-2017 del programma.

Nel ringraziare i partecipanti alla European Sci-Tech Challenge per l’impegno e per la qualità di tutti gli elaborati, la Giuria ha sottolineato come l’incoraggiare i giovani a considerare un percorso di studi in campo scientifico e tecnologico sia importante per assicurare le competenze e le professionalità necessarie per superare con successo le sfide energetiche del futuro.

L’obiettivo del programma Sci-Tech Challenge, sviluppato da ExxonMobil e Junior Achievement Europe, è proprio quello di sostenere questa crescita, contribuendo ad avvicinare i giovani a studi e opportunità di carriera nel campo della Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica (STEM). Aumentare l’interesse e le competenze in queste aree è infatti fondamentale per rafforzare le opportunità occupazionali dei giovani avvicinandole alle figure professionali richieste dal mondo del lavoro.

Chiudere